Social Card

Social Card: Misura Nazionale

Per i cittadini che ne fanno domanda e che hanno i requisiti di legge è disponibile una Carta Acquisti utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas.

La Carta Acquisti vale 40 euro al mese e viene caricata ogni due mesi con 80 euro sulla base degli stanziamenti via via disponibili. La social card, o Carta Acquisti, può essere presentata dagli aventi diritto, cittadini con più di 65 anni e minori di 3 anni, compilando l'apposito modulo disponibile in tutti gli uffici postali.

Una volta consegnata la domanda a Poste Italiane, l'ufficio rilascerà la copia della richiesta, e trascorsi alcuni giorni, in caso di esito positivo, verrà spedito, presso l'indirizzo indicato sulla domanda, l'invito a presentarsi presso gli uffici postali, al fine di ritirare la carta elettronica, sulla quale verranno accreditati gli importi spettanti.

La carta social card 2016, sarà attivabile ed utilizzabile, solo dopo la ricezione PIN spedito a casa.

La carta ha una durata annuale, per cui va rinnovata prima della scadenza annuale tramite CAF e ISEE. 

Requisiti per i cittadini con età superiore a 65 anni:

  • cittadinanza italiana o comunitaria, oppure, con permesso di soggiorno CE;
  • essere regolarmente iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale);
  • avere una pensione o un'indennità di assistenza inferiori a 6.788,61 € all'anno o di importo inferiore a 9.051,48 € all'anno, se di età pari o superiore a 70 anni;
  • avere un ISEE 2016 inferiore a 6.788,61 euro;
  • non essere, da solo o insieme al coniuge:
    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    • intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;
    • intestatario/i di più di una utenza del gas;
    • proprietario/i di più di un autoveicolo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo, inclusi quelli ubicati al di fuori del Territorio della Repubblica Italiana o di categoria catastale C7;
    • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 euro;

non fruire di vitto assicurato dallo Stato.